Mots-clés

Autres Articles

L’intégration des migrantes par les métiers de l’aide à domicile :

Ce texte a été présenté, dans le cadre d’un projet européen, à Bologne, en 2003, lors d’un colloque (...)

Migrations mondiales :

Etude fondée sur l’analyse des rapports des Nations Unies ayant trait à la migration et à la (...)

L’ integrazione delle migranti nel lavorio domiciliaro :

Una problematica di genere

Il progetto che mira a integrare le migranti in un settore così “portante” per quanto riguarda l’impiego, quale l’aiuto domiciliare, partecipa di uno spirito generoso. Ma costituisce anche un progetto ambizioso perché difficile da mettere in opera in modo soddisfacente in ragione degli ostacoli molteplici che si ergono davanti alle postulanti all’impiego, alla cittadinanza e, tutto sommato, alla dignità.

Version italienne. Accès à l’introduction et à la version pdf.

Come hanno notato i redattori della fase uno del progetto : “Il fenomeno delle donne migranti inserite nel territorio dell’Unione Europea si pone dunque all’incrocio di una serie di problemi che afferiscono all’immigrazione, alla discriminazione delle donne, e ai servizi alle persone nel quadro di un’esplosione dell’assistenza integrata sostitutiva delle cure familiari... ” E infatti ci sono diversi livelli di discriminazione spesso associati che bisogna prendere in considerazione quando si tratta di questo segmento del mercato del lavoro. Quindi, riprenderò la stesura proposta sopra evocando innanzitutto la prima difficoltà, quella di essere “ straniero ” oggi in Francia. Poi affronterò la questione delle donne straniere (discriminate perché donne) per finire con una rapida presentazione delle questioni sollevate dal lavoro di cura alla persona (il “ care ” inglese).

jeudi 27 avril 2006, par Annick Riani

Documents joints